Pubblicazione del CD "Crux Fidelis"

09/04/2020

Crux fidélis - Árbor úna nóbilis

Sacred chants from the liturgy  of Holy Thursday and Holy Friday at the Basilica of the Holy Sepulchre, Jerusalem

Pubblicato con il sostegno della Custodia di Terra Santa / Istituto Magnificat e dell'Associazione Amici del Magnificat

Custody of the Holy Land, Knights & San Bartolomeo Choirs, directed by Hani Kreitem and Raffaele Deluca

Organ: Yacoub Ghazawi, Alessandro Milucci

  1. Bells
  2. Nos autem gloriari (Gregorian chant)
  3. Popule meus (Gregorian chant)
  4. Getsemani (A. Pierucci)
  5. Wa uyuni (Getsemani) (Holy Land Popular tradition – Arr. A Pierucci & H. Vosgueritchian)
  6. Pater, si non potest (A. Pierucci)
  7. Appenderunt mercedem meam (A. Pierucci)
  8. Christus factus est ( Gregorian chant)
  9. Sicut ovis (A. Pierucci)
  10. Ubi Caritas (Gregorian chant)
  11. Huwatha Baril (Holy Land Popular tradition - Arr. A Pierucci)
  12. Ecce lignum Crucis (Gregorian chant)
  13. Crux Fidelis ( Pange lingua)  (Gregorian chant)
  14. Crux fidelis (Joao IV, King of Portugal)
  15. Vexilla Regis (G. Neumark - Arr. A. Pierucci)
  16. Dederunt in escam meam fel (A. Pierucci)
  17. Interventions of the crowd in the Passion according to St. John  (A. Pierucci)
  18. Stabat Mater  (Gregorian chant)
  19. Aspectus fuit terribilis  (A. Pierucci)
  20. Velum templi (A. Pierucci)
  21. Sepulto Domino (T.L. de Vittoria )
  22. Bells
  23. Prae timore (annunzio della Risurrezione)   (A.  Pierucci)

Regnavit a ligno Deus

Questo CD vuole valorizzare la bellezza delle liturgie latine della Settimana Santa nella Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme, in particulare quelle legate alla celebrazione della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo.  Il programma liturgico, che è, nuovamente, dopo la sua approvazione ufficiale nel  2011, calcato sulla liturgia dei primi secoli - grazie alla ricostituzione fatta da P. Enrique Bermejo, ofm, liturgista della Custodia di Terra Santa - è ricco come in nessun altro luogo. Mira a ripercorrere, quasi ora per ora, la Passione di Cristo negli ipsissimis locis, nei Luoghi Santi della Salvezza.

Esprimiamo la nostra gratitudine alla Custodia di Terra Santa per l’aver facilitato questa registrazione a Gerusalemme, e al Coro della Custodia di Terra Santa e “Knight’s Choir”, composti in gran parte dalle « pietre vive », i Cristiani locali, che anno dopo anno, sono cresciuti respirando e vivendo queste liturgie, ed ora sono parte integrante di esse;  nonché al Coro San Bartolomeo, che le ha studiate per due anni con  dedizione totale. Eseguire bene questi brani è tutt’altro che facile. Salutiamo la bravura e l’interpretazione dei loro Direttori, M° Hani Kreitem e M° Raffaele Deluca.

Chi partecipa integralmente alle celebrazioni a Gerusalemme viene veramente immerso nel Mistero di questi giorni, e come ripulito dalla bellezze e dalla profondità delle preghiere e degli Uffici. Di questo, la musica costituisce parte essenziale: porta tutto il celebrare. Assieme a P. Enrique Bermejo ha lavorato P. Armando Pierucci, ofm, allora organista del Santo Sepolcro e Fondatore dell’Istituto Magnificat, la scuola di musica della Custodia di Terra Santa a Gerusalemme. Sia come musicista che come compositore,  ha agito de facto come vero e proprio Maestro di Capella dei Luoghi Santi dal 1988 al 2014. Anche P. Pierucci ha cercato di restituire al programma musicale della Settimana Santa ciò che poteva essere l’ambito musicale delle celebrazioni dei primi secoli, arricchendolo con inserzione dei brani più notevoli di tutto il repertorio gregoriano, di brani corali latini classici particolarmente noti, di  alcuni brani ispirati a  melodie  bizantine o  armene (cantate al Santo Sepolcro da queste communità cristiane sorelle). Inoltre, ha proposto brevi brani, soprattutto nelle antifone, armoniosamente integrate nel programma gregoriano, e facilmente cantabili dall’Assemblea. Infatti, a ridosso del Concilio Vaticano II, che aveva rimesso al centro il canto assembleare (come ai primi secoli), questa era una preoccupazione essenziale della nuova liturgia della Settimana Santa. Nel comporre questi brevi brani, P. Pierucci ha applicato il principio ancora tanto chiaro nelle antiche Chiese orientali, e che ha fatto del canto sacro l’arte musicale più alta : la melodia serve il testo, e insieme accolgono la Rivelazione Divina.  Il canto sacro è concepito dall’ecumene cristiana dei primi secoli come fattore essenziale di communione tra i fedeli e con la Chiesa celeste; E’ luogo di discesa dello Spirito Santo e vettore di annunciazione della Fede.

Il programma musicale di questo CD vuole portarci ad entrare nel significato e nel Mistero dei testi stupendi delle celebrazioni di questi giorni. Possa questo CD essere un ricordo per chi è stato presente, una immersione per chi  non ha avuto la fortuna di parteciparvi.

Proponiamo su questo sito due brani del CD: "Sicut ovis" (A. Pierucci) et "Sepulto Domino" (T.L. de Vittoria):

9. Sicut Ovis (A. Pierucci)

Sicut ovis ad occisionem ductus es, Christe rex, et sicut agnus innocens fixus es cruci ab impiis pro peccatis nostris, philantrope.

O Cristo re, sei stato condotto come pecora alla morte e come agnello innocente, o amante degli uomini, sei stato affisso alla Croce dagli empi per i nostri peccati.

Oh! Christ the King, you were led to death as a sheep, and like an innocent lamb, O lover of the human race, for our sins you were nailed to the Cross of the wicked.

21. Sepulto Domino (T.L. de Vittoria )

(Matthaeus 27, 62-66)

Sepulto Domino, signatum est monumentum
Volventes lapidem ad ostium monumenti,  ponentes milites qui custodirent illum.
Accedentes principes sacerdotum ad Pilatum, petierunt illum, ponentes milites qui custodirent illum.

Sepulto Domino, signatum est monumentum
Volventes lapidem ad ostium monumenti, Ponentes milites qui custodirent illum.

Quando fu sepolto il Signore, sigillarono il sepolcro.

E stata fatta rotolare una pietra sull’ingresso del sepolcro: Misero soldati a custodirlo.

I sommi sacerdoti, andati da Pilato, chiesero lui. Misero soldati a custodirlo.

Quando fu sepolto il Signore, sigillarono il sepolcro.

E stata fatta rotolare una pietra sull’ingresso del sepolcro: Misero soldati a custodirlo.

When the Lord was buried, they sealed up the tomb,

Rolling away a stone before the entrance to the sepulchre: Placing soldiers to guard it.

The chief priests went to Pilate and petitioned him. Placing soldiers to guard it.

When the Lord was buried, they sealed up the tomb,

Rolling away a stone before the entrance to the sepulchre: Placing soldiers to guard it.

Fondazione Laus Plena

Armando Pierucci - Sicut Ovis

T.L. de Vittoria - Sepulto Domino

La Fondazione ha bisogno del vostro sostegno per conseguire i propri  scopi e vi ringrazia anticipatamente per la vostra generosità.

Donazioni su conto bancario presso la banca UBS Switzerland AG, intestato a: Fondazione Laus Plena, Lugano.
La Fondazione emette certificati di donazione per l’utilizzo a fini di detrazione fiscale.
Coordinate bancarie:  vedi sotto.